La Vera Star del Superbowl di Quest’Anno: il Muro

La maggior parte dei pubblicitari e delle aziende vedono la politica nelle pubblicità come un territorio rischioso da percorrere ma, con il recente divieto di immigrazione e un muro prossimo alla sua realizzazione, due temi ugualmente caldi e controversi hanno infiammato la scena politica: Gli Stati Uniti e il Superbowl.
Non c’è niente di meglio di un divieto, qualcosa che 84 Lumber, una delle più grandi compagnie di costruzione americane, ha scoperto di recente, grazie al suo nuovo spot per il Superbowl.

Inizialmente era stato censurato dalla Fox per essere troppo politico.

Perché? Parlava di un muro e di migranti dal Messico.

Devo aggiungere altro?

84 Lumber non è da sola a percorrere questo sentiero controverso. Budweiser, nella sua prossima pubblicità per la TV, mostra il viaggio di immigrati da dove non ci sono muri, ma dove è di casa il più importante elemento di ogni festa del Superbowl, la birra.

Dal momento in cui l’emigrato tedesco scende dalla sua nave al porto,

viene investito da grida come “Non ti vogliamo qui” e “Tornatene a casa tua”

Devo aggiungere altro?

La lista delle pubblicità che contengono messaggi politici indiretti (e diretti) la domenica del Superbowl è lunga, dimostrando la validità di un post che ho scritto di recente– i brand stanno diventando controversi.

Il punto è che il tempo in cui potevamo essere amici di tutti è scaduto.

“I brand politicamente corretti sono Fottuti” Devo aggiungere altro?
Il Superbowl di quest’anno è una buona dimostrazione di come il mondo stia cambiando – non solo il Mondo di Trump ma anche il Mondo della Pubblicità.

Venerdì 28 Aprile 2017 Martin Lindstrom sarà a Milano con NeuroPeople® e Giacomo Catalani Editore. Visita il sito e Iscriviti subito al Corso

Small Data con Martin Lindstrom